Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/turkovic-tiro-bzfas.jpg

Serie A Beretta maschile: Bolzano in testa dopo la 4^ giornata

Serie A Beretta

Bolzano davanti. E non è una novità. Complici i due rinvii forzati di Alperia Merano – Cassano Magnago e Salumificio Riva Molteno – Pressano, la Serie A Beretta ha una sua capolista solitaria: è la squadra altoatesina, che vince anche l’impegno della 4^ giornata contro l’Acqua&Sapone Junior Fasano e sale a quota 8 punti, restando a punteggio pieno. Come Conversano, che però ha una partita in meno per via del turno di recupero già osservato.

Cassano Magnago è costretta a fare da spettatrice, certo, ma Bolzano deve comunque fare la propria parte. Ancora una volta Starcevic e compagni si confermano pressoché infallibili. Stavolta a cadere è l’Acqua&Sapone Junior Fasano, che al Pala Gasteiner è battuta col punteggio di 32-27 (p.t. 19-8). Indirizzo chiaro dato al match dagli altoatesini già nel primo tempo, con l’iniziale 6-2 siglato da Turkovic dalla linea dei 7m. Sempre con un penalty prova ad accorciare Fasano: Järlstam segna il 10-7 al 16’, ma Bolzano risponde prontamente con un gran gol di Greganic (11-7). Fasano si spegne, incassando da qui in avanti un parziale di 8-1 che manda le squadre negli spogliatoi sul 19-8. Nella ripresa gli ospiti accennano in qualche frangente ad una reazione comunque contenuta alla perfezione dalla squadra guidata da Mario Sporcic. Al 50’ il parziale è 28-20. Ancora un colpo di coda degli uomini di Ancona conduce al 30-26. Time-out di Sporcic per ricondurre ancora, stavolta per l’ultima volta, i due punti sulla strada di Bolzano. Il 32-27 finale è l’ennesima perla stagionale di Martin Sonnerer. Dopo quattro giornate Bolzano guarda tutti dall’alto.

Cammino immacolato anche per Conversano, che nella partita clou della 4^ giornata vince 32-28 (p.t. 12-12) a Conversano e centra la seconda vittoria in trasferta a distanza di tre giorni da quella di mercoledì scorso a Mascalucia contro l’Albatro. Questa volta posta in palio portata a casa contro una diretta concorrente per le zone alte della classifica e offrendo una prova autorevole. Ancora una volta molto positivo Degiorgio, tra i migliori dei suoi al tiro assieme a Nelson: i due realizzeranno rispettivamente 8 e 9 reti. Conversano ha il merito di non disunirsi in avvio di ripresa, nel miglior momento di Bressanone. Al 36’ gli altoatesini segnano con Amato il doppio vantaggio (16-14), ma sono costretti ad incassare il 3-0 di contro-parziale degli uomini di Tarafino, avanti 17-16 allo scoccare del 39’. Conversano prova a cambiare marcia, al 49’ passa sul 25-22 e da qui reggerà fino alla fine. Fino al 32-28 che significa tre vittorie in tre partite.

Seconda vittoria e quarto risultato utile consecutivo per Trieste. Per i giuliani di Carpanese due punti preziosi nella delicata trasferta sul campo della Santarelli Cingoli. Il confronto termina 28-25 (p.t. 14-12). Al Pala Quaresima la partita si spacca attorno alla metà della ripresa, dal 19-17 in favore degli ospiti fino all’accelerazione che porta al 21-17 di Bratkovic in contropiede (3-0) e obbliga Palazzi al time-out. Al bivio, Trieste sceglie la via giusta nonostante le risposte accennate da Cingoli in particolare con il greco Ladakis. Al 57’ è Antic a riaccendere la speranza di Cingoli col 26-23, ma Trieste ne ha di più e con Kuodis realizza in un amen il 27-23 dall’altra parte. Giochi fatti. Per Trieste i punti in classifica ora diventano 6, sempre più tra le grandi della Serie A Beretta.

Può gioire anche la Ego Siena, costretta però ancora una volta a sudare per il bottino grosso. Stavolta è lo Sparer Eppan a mettere in difficoltà fino alla fine i toscani, che in Alto Adige riescono comunque ad imporsi col risultato di 33-32 (p.t. 17-12). La squadra di Dumnic paga un calo di concentrazione quasi fatale nella parte centrale del secondo tempo, quando, dopo aver toccato anche il +7 sul 21-14, concede ad Appiano la possibilità di rientrare in partita e di pareggiare con Oberrauch al 52’ sul 27-27. Bronzo e Guggino tirano fuori dai guai Siena mettendo la firma sul 29-27. Ancora Oberrauch riporta Eppan sotto di un gol al 59’ (32-31). A Kasa il compito di chiudere i conti e consegnare una vittoria di grande rilevanza ai suoi.

Dal 19-19 a 11’ dalla fine, al 25-22 conclusivo. Così il Teamnetwork Albatro batte la Banca Popolare Fondi e al Pala Lo Bello trova la prima vittoria della sua Serie A Beretta edizione 2020/21. Dopo una contesa equilibrata, gli aretusei trovano dunque nell’ultima accelerazione gioia e due punti. Merito di un break di 3-0 chiuso da Bobicic, che al 54’ costringe il tecnico laziale Giacinto De Santis al time-out. Proverà il solito Vulic (14) a tirare Fondi fuori dalle sabbie mobili, riuscendoci in parte: suo il 23-22 a 2’ dalla fine, Rocambolesco, ma anche pesantissimo, il 24-22 di Quattrocchi sotto passivo con soli 28’’ da giocare. Albatro in paradiso, Fondi ancora a secco.

Per completare la 4^ giornata bisognerà attendere la disputa di due incontri: Alperia Merano – Cassano Magnago e Salumificio Rival Molteno – Pressano, entrambe rinviate a causa di accertata positività al Covid-19 nelle fila della compagine meranese. Già fissato il recupero del match tra Molteno e Pressano, previsto per il 14 ottobre.

ORA PARTITA RISULTATO MATCH REPORT
h 16:30 Teamnetwork Albatro - Banca Popolare Fondi 25-22 Download PDF
h 18:00 Bolzano - Acqua&Sapone Junior Fasano 32-27  Download PDF 
h 18:00 Santarelli Cingoli - Trieste 25-28 Download PDF 
h 19:00 Brixen - Conversano 28-32  Download PDF 
h 19:00 Sparer Eppan - Ego Siena 32-33  Download PDF 
Rinviata Salumificio Riva Molteno - Pressano - -
Rinviata Alperia Merano - Cassano Magnago - -

La classifica aggiornata:
Bozen 8 pti, Conversano 6, Cassano Magnago 6*, Trieste 6, Raimond Sassari 5, Ego Siena 5, Pressano 4*, Alperia Merano 3*, Brixen 2, Acqua&Sapone Junior Fasano 2, Sparer Eppan 2, Teamnetwork Albatro 2, Santarelli Cingoli 1, Salumificio Riva Molteno 0*, Banca Popolare Fondi 0
*una partita in meno 

(foto: Paolo Savio)