Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/prantner-leo-azione.jpg

Così la 6^ giornata: en plein Siena, tre altoatesine agganciano Conversano

Serie A1 Maschile

Sei partite e sei vittoria. La Ego Siena resta la squadra da battere, quella da inseguire in Serie A1 Maschile anche dopo la 6^ giornata di Regular Season. Il primato dei senesi resta immutato, per effetto del successo maturato al Palaestra contro la Junior Fasano: un 37-30 (p.t. 18-13) fatto di tanti gol e di un Demis Radovcic che, da ex, mette a referto 10 segnature e consacra il suo sontuoso avvio di stagione.

Bolzano, Bressanone e Alperia Merano, aspettando il Cassano Magnago, si confermano intanto le inseguitrici più affidabili rispetto al primato. A cominciare dai campioni d’Italia, protagonisti di un agile 35-24 (p.t. 18-10) casalingo a spese dell’MFoods Carburex Gaeta, sotto il segno di Martin Sonnerer autore di 7 gol.

Sono 8 i punti degli uomini di Dvorsek e altrettanti quelli dei Diavoli Neri, che centrano la quarta vittoria in stagione a spese dello Sparer Eppan (26-18) nel derby: sono due punti a domicilio, quelli conquistati dalla squadra allenata da Jurgen Prantner, che in quello stesso cognome – Prantner – trova le soddisfazioni migliori con le 7 marcature siglate dal figlio Max, mancino della Nazionale U20. 

A completare una seconda posizione affollatissima c’è Bressanone. Anche per Lazarevic e compagni – a proposito, il serbo ne mette a segno altri 7 – arriva il poker di vittorie, questa volta con un perentorio 34-24 (p.t. 17-10) a spese della Banca Popolare di Fondi. Le giornate passano, i brissinesi tengono e la classifica li vede tra i protagonisti di questo inizio di Serie A1.

Le altoatesine gioiscono anche in virtù di un rallentamento di Conversano, fermato sul 23-21 (p.t. 10-8) nell’atteso confronto che al Palavis risolleva morale e classifica del Pressano. Trentini avanti 5-2 al 16’, al riposo ancora sul +2 e poi abili nel reagire alle sfuriate di Conversano, avanti sul +1 in avvio di ripresa. Con tre quarti di partita trascorsi, gli uomini di Andreasic girano alla boa sul 16-14, scavano fino al +4 il solco a 8’ dalla fine e poi tengono. Tengono duro, quanto basta. Due punti preziosi, quelli del Palavis, perché rilanciano Pressano dopo un avvio di campionato quantomeno tentennante.

Colpaccio a domicilio sul prestigioso parquet del Pala Chiarbola per la Raimond Sassari, che vince 29-25 (p.t. 12-14) contro Trieste. I giuliani, sotto di uno nei 5’ finali, si rammaricano. Gioiscono i sardi, che nelle stesse battute conclusive fanno uso del loro killer instinct e piazzano un parziale di 3-1 con cui chiudono di fatto i giochi, peraltro annullando il +2 con cui la squadra di Carpanese aveva terminato i primi 30’ di gioco.

In settimana, il prossimo 17 ottobre, in campo Cassano Magnago e Metelli Cologne per il derby lombardo che completerà il programma della 7^ giornata. Per la squadra di Kolec, intanto, domani (domenica ndr) è in programma a Stavropol (Russia) il ritorno del secondo turno di Challenge Cup contro la Dynamo Victor. 

ORARIO PARTITA RISULTATO MATCH REPORT
h 18:00 Ego Siena - Conversano - Junior Fasano     37-30 Download PDF
h 19:00 Bolzano - MFoods Carburex Gaeta 35-24  Download PDF
h 19:00 Sparer Eppan - Alperia Merano 18-26  Download PDF 
h 19:00 Brixen - Banca Popolare Di Fondi  34-24  Download PDF
h 20:00 Trieste - Raimond Sassari  25-29 Download PDF  
h 20:00 Pressano - Conversano 23-21 Download PDF 

La classifica aggiornata:

Ego Siena 12 pti, Conversano 8, Bolzano 8, Alperia Merano 8, Bressanone 8, Cassano Magnago 7*, Raimond Sassari 7, Banca Popolare di Fondi 6, Pressano 5, Metelli Cologne 4*, Junior Fasano 4, Trieste 2, MFoods Carburex Gaeta 2, Sparer Eppan 1
*una partita in meno

(foto: Karin Larcher)