Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/68406879_2454565801268021_5439354627575250944_o.jpg

EHF Championship: Italia qualificata alle semifinali

Nazionale femminile

L’Italia è qualificata alle semifinali del W17 EHF Championship di Lignano Sabbiadoro. Le azzurrine passano il turno da prima classificata del Gruppo B, in virtù del 27-26 con cui la Polonia ha battuto questa sera la Bielorussia nelle gare della 4^ giornata del Preliminary Round.  

Con 6 punti, le primule di Ljiljana Ivaci sono ancora, sì, raggiungibili dalle polacche e dalla Nord Macedonia. Una contro l’altra domani, però, le due squadre potranno solamente impattare, senza superare l’Italia in virtù dello svantaggio negli scontri diretti.

Le padrone di casa avranno comunque la ghiotta chance di chiudere il girone a punteggio pieno nella partita di domani sera (h 20:00) contro la Bielorussia.

Il primo posto dà all’Italia la certezza di affrontare in semifinale una tra Repubblica Ceca e Turchia, entrambe in lotta per la seconnda posizione nel Girone A. In pole position le ceche, oggi sconfitte dall’Islanda e che sulle turche vantano, in una potenziale classifica avulsa, il vantaggio nella differenza reti.

Le classifiche della fase a gironi:

Gruppo A: Islanda 6 pti, Repubblica Ceca 4, Israele 4, Turchia 2, Kosovo 0
Gruppo B: ITALIA 6 pti, Polonia 4, Nord Macedonia 4, Bielorussia 2, Azerbaijan 0

Il programma delle semifinali e della giornata conclusiva: 

sabato 10 agosto
h 17:00 | Semifinale 1A – 2B
h 19:00 | Semifinale 2A – 1B 

domenica 11 agosto
h 15:00 | Finale 3°/4°
h 17:00 | Finale 1°/2° 

Tutte le gare sono trasmesse in diretta su ehfTV (www.ehftv.com) e PallamanoTV.

(foto: Isabella Gandolfi)