images/editor/foto_daniele_lucido.jpg

Dal Territorio – Capitan Lucido suona la carica. “Il Giovinetto è destinato a crescere”

Serie A2 Maschile

La situazione di classifica non è assolutamente facile, ma mai gettare la spugna. Incarna perfettamente lo spirito del suo allenatore, il capitano del Giovinetto Petrosino, Daniele Lucido.

Trentatrè anni trapanese, Pivot, da ben 17 anni Daniele veste la maglia del Giovinetto. Quest’anno è stato promosso capitano, ruolo che in una squadra come quella del Giovinetto Petrosino, dove l’organico ha una età media al di sotto dei 20 anni, diventa un compito non facile.

“E’ così – conferma – abbiamo una squadra molto giovane. Ma lo sapevamo in partenza quindi si accettano le note positive e negative anche perché un gruppo del genere anche se vive un momento di difficoltà non può che migliorare”.

Un campionato quello che sta conducendo il Giovinetto che sicuramente è al di sotto delle aspettative.

“Ritengo di si – continua – le prospettive erano ben altre. Ma sono sicuro che risaliremo la classifica anche perché quando hai in panchina una persona dalla forte personalità, carisma e competenza come il nostro coach Onofrio Fiorino, abituato da uscire fuori da momenti difficili, non puoi non essere ottimista. Anche perché – dice ridendo – o lo sei o ti ci fa diventare lui”.

Ormai ci si avvia alla sosta per le festività natalizie. Si riprenderà nel 2022.

“Come ho detto prima è inutile negarlo ci troviamo in un momento non certo facile. Ma di una cosa sono certo: chi è in questa barca sicuramente non la abbandonerà mai. Siamo un bel gruppo che magari ha poca esperienza e di ciò ne sta pagando lo scotto. Ma sono convinto che nel girone di ritorno faremo un grande campionato. Abbiamo dimostrato contro le grandi del girone di poter giocare a la pari. Ma poi non abbiamo saputo chiudere per quel pizzico di esperienza che ci è mancato e che abbiamo acquisto in questa prima parte di campionato facendone tesoro”. 

(Foto Giovinetto Petrosino)