images/editor/leonardo-paoli-mugello.jpg

Dal Territorio – Serie B: il Mugello United stupisce tutti

Dal Territorio - Area 5

Il campionato di Serie B in Toscana è iniziato ormai da qualche settimana e lo ha fatto con una grossa sorpresa, con il neonato Mugello United che ha fino ad ora conquistato solo vittorie, grazie anche alla seconda miglior difesa del torneo.

Inizio con il premettere che per me, un anno fa, la pallamano era cosa finita – dice il capitano Leonardo Paoli - Il COVID e l’annessa difficoltà nel proseguire il campionato mi avevano fatto prendere la decisione di smettere per preservare la mia attività lavorativa. Credevo di aver chiuso con la pallamano. Sono stato contattato per far parte di questo nuovo progetto quando già era viva l’idea di una nuova società. Quello che mi ha convinto a prendere parte a questo progetto è stato l’atteggiamento delle persone che me lo hanno presentato”.

Una squadra nuova, ma già con una discreta esperienza, che può togliersi notevoli soddisfazioni. “Per adesso abbiamo giocato due partite, tutte concluse con una vittoria – continua Paoli - Siamo molto contenti perché la nostra è una squadra molto eterogene, con alcuni ragazzi giocavamo già insieme negli anni scorsi mentre non altri, più giovani, ci siamo ritrovati a giocare per la prima volta”.

Ora però è tempo di godersi le vittorie e pensare già al futuro prossimo. “Parlando di ambizioni e obiettivi credo si debba scindere quelli sportivi da quelli societari. A livello di società la volontà è quella di creare una realtà solida e duratura nel tempo, basata sulla passione e la competenza che insieme possono dare vita a qualcosa di molto valido. A livello sportivo il primo punto è quello di creare una squadra ben amalgamata e coesa, di formare un gruppo forte. Questo ci permetterà di scendere in campo per mettere tutto il nostro impegno al sostegno dei nostri compagni, sono sicuro che se ognuno di noi farà la sua parte con impegno ed umiltà i risultati arriveranno senza dubbio, quali saranno solo il tempo potrà dircelo”.

(foto: Fulvia Ticci)