Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità, contenuti e servizi più vicini ai tuoi gusti e interessi. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie per le finalità indicate. Per per saperne di più fai clic qui.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
images/editor/nazionale-u-17-roberto-dellolivo.jpg

Dal Territorio - Charity Iyamu, la giovane perla del Tushe Prato

Dal Territorio - Area 5

Ad inizio anno ha preso forma la Nazionale under 17 femminile, che presso il Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito di Roma ha visto radunarsi ben 37 ragazze, agli ordini del tecnico Ljiljana Ivaci, coadiuvata da Elena Barani e Adele De Santis. Tra le atlete convocate anche Charity Iyamu del Tushe Prato che si sta ben comportando anche nel campionato di Serie A2.

Un’occasione importante per la classe 2005 che ha avuto modo di misurarsi con le migliori pari età del panorama nazionale. “Inizialmente non conoscevo tutte le compagne – dice Charity – ma soltanto alcune che avevo già incrociato nei campionati giovanili. Ci siamo trovate bene anche con gli allenamenti, lavorando molto e in maniera divertente, instaurando un bel rapporto tra noi”.

Essendo molto giovane, Iyamu si è approcciata alla pallamano relativamente da poco tempo, iniziando a giocare sempre con la stessa maglia, quella del Prato, capolista del girone C del campionato di Serie A2 femminile che ora punta alla fase finale. “Siamo subito partite bene – continua l’atleta – anche se a tratti non siamo riuscite a dare il massimo. Ora ci stiamo rifacendo e ce la stiamo mettendo tutta per arrivare alla Final Eight”.

Un obiettivo raggiungibile a questo punto della stagione e la distanza con le formazioni della Serie A Beretta non sembra così incolmabile. Ce la possiamo fare, con l’impegno e la mentalità giusta. Forse manca un po’ di grinta nei momenti chiave, credo sia quello il segreto per raggiungere il vertice.”

(foto: Roberto Dell'Olivo)